fbpx

Fattura PA

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest

OBBLIGO DELLA FATTURA ELETTRONICA!

Lo sai che se vuoi essere pagato dalla PUBBLICA AMMINISTRAZIONE devi eseguire la FATTURA ELETTRONICA?
LegalSolutionDOC il primo sistema sulla nuvola che ti permette di produrre e ricevere la fattura elettronica nel formato previsto e conservarla sostitutivamente a norma di legge, tutto in un unica piattaforma.
Cos’è la fattura elettronica verso la PA?
La fattura elettronica è una fattura, denominata FatturaPA, che deve essere prodotta in formato digitale (non più cartaceo!) con particolari caratteristiche ed inviata alla pubblica amministrazione (di qualsiasi tipo) tramite il “Sistema di Interscambio” (SDI).

SDI

La fattura elettronica deve poi OBBLIGATORIAMENTE essere CONSERVATA SOSTITUTIVAMENTE in formato digitale sia dal trasmittente sia dal destinatario (PA) per la normativa vigente sulla conservazione (DL 82/2005 art. 5 comma 5). Se una fattura viene conservata sostitutivamente anche tutte le altre, seppur cartacee e aventi numerazione sequenziale, devono essere conservate nella medesima modalità digitale (DMEF del 23 gennaio 2014 art. 3 comma 1 lettera d).
OBBLIGATORIETA’
6 Dicembre 2013: amministrazioni pubbliche che decidono volontariamente di partire 6 Giugno 2014: per le fatture emesse nei confronti della pubblica amministrazione centrale: Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale 6 Giugno 2015: per le fatture emesse nei confronti di tutta la pubblica amministrazione
LA SOLUZIONE: LEGALSOLUTIONDOC
PER LE AZIENDE:

  • Predisposizione dei documenti nel formato certificato previsto e quindi creazione della fattura elettronica
  • Invio della fattura elettronica al sistema di interscambio
  • Conservazione sostitutiva della fattura elettronica e delle relative ricevute

PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI:

  • Ricezione della fattura elettronica
  • Archiviazione e conservazione sostitutiva della fattura elettronica e delle relative ricevute

NORMATIVA
LEGGE n. 244 del 24 dicembre 2007 (Finanziaria 2008): obbligo della fattura elettronica DMEF n. 55 del 3 aprile 2013: regole tecniche

2 Responses to “Fattura PA”

  1. Berardino Pace 7 aprile 2014 at 11:35 #

    Buongiorno.

    Le mie informazioni, sono diverse rispetto all’obbligo a cui fate riferimento.

    Esiste un’alternativa a quello che dite sulle fatture con tracciato elettronico. Poter mantenere un documento.:

    le fatture elettroniche devono :

    – essere progressive senza soluzioni di continuità – quindi serve un sezionale apposito per la loro numerazione
    – è accettata la loro archiviazione elettronica (non conservazione) se la loro immagine analogica viene trattata come le altre e se ne deve riportare annotazione nell’apposito registro.

    omissis …
    Tuttavia, ove il contribuente intenda adottare la conservazione
    elettronica delle sole fatture elettroniche, e’ consentita la conservazione
    con le modalita’ tradizionali delle fatture in formato analogico a
    condizione che le stesse siano annotate in un apposito registro sezionale e
    numerate progressivamente con una distinta serie numerica in ordine
    cronologico, senza soluzione di continuita’ per periodo di imposta.
    In tale evenienza, per ogni singolo cliente o fornitore dovra’ essere
    eseguita un’unica modalita’ di conservazione per l’intero periodo d’imposta,
    in modo che le fatture emesse o ricevute risultino annotate tutte nello
    stesso registro.

    E’ giusta l’interpretazione?

    • admin 28 aprile 2014 at 15:24 #

      Salve, mi perdoni se abbiamo tardato con la risposta, ma volevamo sentire il nostro legale per essere più precisi in merito.
      Per art. 4 comma 2 del DM Econ e Fin 23 gennaio 2004, una tipologia documentale può essere conservate digitalmente, per il periodo di imposta, in una sola modalità: digitale o analogico (cartaceo):
      Il processo di conservazione di cui al comma 1 può essere limitato a una o più tipologie di documenti e scritture analogici, purchè sia assicurato l’ordine cronologico delle registrazioni e non vi sia soluzione di continuità per ogni periodo di imposta.

      Siccome ogni sezionale di vendita è assunto come una tipologia documentale distinta, per ogni sezionale si sceglie la modalità di conservazione.
      In tale contesto si possono quindi optare per più strade.
      Si può scegliere di usare due sezionali, uno per fatture elettroniche e l’altro per tutte le altre, e optare per la conservazione sostitutiva (obbligatoria) delle fatture elettroniche e mantenere in cartaceo le altre.
      Se invece si sceglie di usare un solo sezionale, tutte le fatture devono essere conservate in modalità sostitutiva.

Lascia un commento