fbpx

2 Settembre 2015 – La Fattura Elettronica tra Privati è Realtà

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest

 

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n.190 del 18-8-2015) del Decreto Legislativo n. 127/2015, si estende, dal 2 settembre 2015, la possibilità di fatturazione elettronica anche alle transazioni commerciali tra privati. A partire da giugno 2014 abbiamo assistito progressivamente allo svolgimento del processo di digitalizzazione dello Stato grazie all’entrata in vigore della normativa che obbligava in prima istanza all’invio della fattura elettronica nelle transazioni tra privati e Pubblica Amministrazione (Fattura PA Attiva), e in seconda istanza (Marzo 2015) alla ricezione delle stesse (Fattura PA passiva) sempre nell’ambito delle transazioni tra privati e pubblica amministrazione.

Dal 2 settembre, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n.190 del 18-8-2015) del Decreto Legislativo n. 127/2015, si estende la possibilità di fatturazione elettronica anche alle transazioni commerciali tra privati.Quest’ulteriore passaggio ha lo scopo di agevolare ulteriormente i rapporti tra Stato e Imprese Private garantendo trasparenza e efficienza delle comunicazioni aziendali.

Il provvedimento normativo, è in linea inoltre con l’impostazione dell’Ocse, secondo cui il fisco deve trasformarsi da verificatore ex post a soggetto che facilita gli adempimenti fiscali sfruttando le leve della tecnologia.

 

I vantaggi

L’utilizzo della fatturazione elettronica è facoltativo. Il decreto prevede, in via opzionale, a decorrere dal 1° gennaio 2017, l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate di tutte le fatture emesse e ricevute. Per quanto concerne l’invio delle fatture, basterà inviare in formato elettronico anche solo i dati della fattura e non necessariamente la fattura vera e propria.

La misura introduce incentivi, in termini di riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili, a vantaggio delle imprese che utilizzano la e-fattura.

Chi sceglierà la fatturazione elettronica infatti, potrà beneficiare di incentivi fiscali ed amministrativi.

Tra le semplificazioni introdotte troviamo:

  • rimborsi IVA in 3 mesi;
  • riduzione di un anno dei termini di accertamento ( da 4 a 3 anni);
  • esonero dall’obbligo di Spesometro;
  • comunicazioni Black List;
  • controlli fiscali più sempliciNel caso in cui i soggetti passivi optino per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati di tutte le fatture, emesse e ricevute, e delle relative variazioni, effettuata anche mediante il Sistema di Interscambio di cui all’articolo 1, commi 211 e 212, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, l’opzione avrà effetto dall’inizio dell’anno solare in cui è esercitata fino alla fine del quarto anno solare successivo e, se non revocata, si rinnoverà di quinquennio in quinquennio.

 

Durata e rinnovo

Nel caso in cui i soggetti passivi optino per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati di tutte le fatture, emesse e ricevute, e delle relative variazioni, effettuata anche mediante il Sistema di Interscambio di cui all’articolo 1, commi 211 e 212, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, l’opzione avrà effetto dall’inizio dell’anno solare in cui è esercitata fino alla fine del quarto anno solare successivo e, se non revocata, si rinnoverà di quinquennio in quinquennio.

 

Tags: ,

No comments yet.

Lascia un commento